mercoledì 10 aprile 2013

Intervista a Barbara Risoli

Barbara Risoli si definisce una freelance writer. Le sue storie parlano di mondi distanti, di storie nella Storia, di eroi negativi e di grandi amori. Nulla è come appare, leggendo la sua penna; niente accade come dovrebbe accadere e ogni istante è diverso dall'altro. Il suo mondo è un lago, il suo sogno è una distesa di neve sulla quale camminare. Tra le sue opere troviamo La stirpe, L’errore di Cronos, La grazia del fato, Il veleno del cuore, La giustizia del sangue, e infine L’onda scarlatta. Tra i suoi hobby i videogiochi, la cucina e una mai sopita passione per tutto ciò che concerne il mistero.

http://risolibarbara.blogspot.it


Il romanzo: L’onda scarlatta 

Ersilia Alves, duchessina di Cerbére, dalla bellezza disarmante, porta il segno di un destino crudele e a diciassette anni riemerge dal buio della propria esistenza, con il passo claudicante che ne screzia la perfezione.
Astolfo des Chavaux, conte di Rennes, quarantenne impenitente e noto libertino, se ne prende cura per volere del padre, affrontando l’inattesa onda di sentimenti che lo travolgono.
Feroz, misterioso e ultimo dei pirati, dall’abbigliamento barocco e dal volto celato, governa l’inquietante Onda Scarlatta, antico galeone dalle vele rosse come il sangue versato dai nemici dell’uomo.
Sullo sfondo della Francia in fermento del 1789, con il re ostaggio del popolo e profondi mutamenti a mettere in pericolo un’intera classe sociale, s’intrecciano i destini di una donna con il buio dentro e un uomo senza identità.
Quale segreto cela il pirata dalla piuma rossa? E quale forza nasconde il gioiello risorto di Cerbére? Colpi di scena, rivalità familiari e imprevisti cambiamenti danno il passo a un amore che saprà abbattere il dolore e aprire il cuore al futuro.

CASA EDITRICE: Amazon ­ Formato Kindle
ANNO DI PUBBLICAZIONE: 2013
GENERE: Romance
PAGINE: 274
PREZZO: € 1,63


Su Amazon: http://www.amazon.it/LONDA-SCARLATTA-ebook/dp/B00B5QIECE



E ora, le nostre terribili domande…

D: Felice approdo ad Autori Sul Web! Per cominciare, ti va di parlaci un po’ di te e dei tuoi principali interessi?
R: Parlare di me è sempre la cosa peggiore, temo sempre la logorrea. Cosa posso dire? Sono un’autrice emergente che ha scelto la pubblicazione indipendente dei proprio lavori. I miei generi sono prevalentemente storici e abbraccio periodi storici diversi quali il periodo rivoluzionario franse e quello russo. Amo molto la mitologia greca che mi ha permesso di pubblicare due libri per ora irreperibili, ma presto disponibili su Amazon in e­book. Sarà un ritorno alla grande!

D: Veniamo alla parte letteraria. Come nasce la tua passione per la scrittura?
R: Forse, dopo la morte di mia madre nel 2010, ho compreso quale grande eredità è riuscita a lasciarmi: la passione per la scrittura. Da lei sono stata contagiata sin da bimba, da lei che scriveva a mano su carta velina storie bellissime che erano le mie fiabe. Ecco da dove nasce la mia scrittura, dalla persona più importante della mia vita.

D: Quali generi o autori ti hanno più influenzato?
R: Ho sempre cercato spasmodicamente di evitare una somiglianza con qualche autore, non mi piace l’emulazione, pur rispettando le varie correnti frutto di questa scelta. Tuttavia, chi mi ha letto ha avuto la carineria di paragonarmi a Dumas, Hugo, Tolstoj. La cosa mi appare esagerata, lo preciso… ma il lettore decide e io lo lascio fare.

D: E ora occupiamoci del romanzo che proponi. Da dove scaturisce l’idea? Hai dovuto svolgere ricerche particolari?
R: Non l’ho mai nascosto, L’ONDA SCARLATTA nasce per essere un romance il più romance possibile, con tutte le caratteristiche del genere. Decisa a presentarlo a grandi case specializzate nel settore, l’ho fatto. Ovviamente il mondo dell’editoria non è facile, sono convinta che la mole di manoscritti che queste case editrici ricevono deve essere mostruosa. Non ho ricevuto la risposta agognata e… me ne sono fregata, con tutto il rispetto. Non vivo la pubblicazione con patema, piuttosto con disincanto e disillusione. Ho deciso allora di rivolgermi a chi ha sempre un po’ di tempo per noi scribacchini, il lettore e mi sono autopubblicata in e­book su Amazon. I downloads sono molto più del previsto, la soddisfazione inaspettata e i commenti inattesi, tutti mediamente positivi. Ne sono felice.
L’idea risale a molti anni fa, ho ripreso in mano un vecchio romanzo e l’ho rivoluzionato, appunto… avendolo posto nel periodo storico della Rivoluzione Francese. Questo periodo mi è particolarmente caro e di ricerche non ne ho dovute fare molte, sono sincera.

D: I personaggi che hai creato da dove nascono? Che sentimenti provi per loro?
R: Pur con la mia ferrea decisione di scrivere un romance, la mia indole fuori dalle righe non riesco proprio a incatenarla e così… il personaggio principale, l’eroina, quella che deve far sognare è una giovane aristocratica zoppa, imperfetta dunque, con tutte le difficoltà che questa menomazione comporta. E non solo… è pure depressa e da questo stato d’animo scaturisce la storia e i personaggi che la circondano. Due sono gli eroi, uno offuscato e uno scintillante, ma anche il secondo non veste di perfezione: oltre a essere uno pseudo delinquente (l’ultimo dei pirati), porta addosso il segno della sventura. Molto importante la famiglia in questo romanzo, una famiglia un po’ pazza eppure stretta e protettiva.
I miei personaggi io li amo sempre tutti, sempre, fanno parte del mio essere perché in ognuno di essi c’è qualcosa che caratterizza me: una frase, un atteggiamento, un pensiero, un’azione. Così scateno le mie personalità, da buona Gemelli quale sono.

D: Emozioni e considerazioni. Cosa hai voluto trasmettere al tuo pubblico?
R: Di emozione nel romanzo ce ne sono a iosa, ma a emozionarmi di più sono stata io scrivendolo. Come ogni volta che martello la tastiera, davanti a me c’era un film e vedevo ogni cosa nitidamente. Il messaggio appare chiaro forse dalla quarta di copertina: il riscatto, la forza, l’orgoglio, il ‘non mollare mai’. L’imperfezione dei protagonisti, contrapposta ovviamente alla perfezione di chi li circonda, è un invito a non dare peso a ciò che di noi crediamo non vada, piuttosto a crederci, sempre, in un ideale come in un grande amore, contro il tempo, le convenzioni, la logica. Un commento ha definito la seconda parte di questo romanzo surreale, ebbene… io lo considero un complimento, amo uscire dalle righe, anche se stavolta non volevo. Ma sono soddisfatta!

D: Cosa ti piacerebbe fare da grande? Qualche progetto per il futuro?
R: Da grande? Eh, grande la sono già con i miei 43 anni… e posso ritenermi già soddisfatta, dai! Il progetto in cantiere è ormai pronto, imminente l’uscita del mio nuovo romanzo storico LA STELLA D’ORO che si articola tra il Friuli della prima Guerra Mondiale e la Rivoluzione Russa. Tra i protagonisti vi è proprio lui, Lenin che delineo sotto una luce storica eppure diversa da quella ufficiale. E’ sempre una storia d’amore,di sofferenza, di angoscia ma non è un romance, questa volta ho voluto dare più spazio alla Storia pur creando una coppia che credo saprà toccare i cuori dei lettori con la loro graffiante disperazione. Lo preciso, ci tengo: non è un romanzo politico, assolutamente, solo la descrizione romanzata dell’accaduto. Notoriamente io non sono schierata politicamente in rete, pur avendo le mie ferme idee, si intende.

Capperi, che progetto impegnativo! Visto il successo del tuo romanzo, spero proprio che una grande casa editrice ti noti. Sarebbe una partenza esplosiva; anzi, una salva di cannone!